"Ability may get you to the top, but it takes character to keep you there"John Wooden

Cosa e? DROGA

Cosa e la cocaina?

Cosa e la cocaina?

La droga cocaina proviene dalle foglie dell'arbusto di coca. La polvere bianca che ha annusato la maggior parte del naso viene estratta chimicamente. L'effetto si verifica dopo un breve periodo e può durare fino a 60 minuti. Il risultato è un umore elevato, la soppressione delle inibizioni sessuali e può portare ad un aumento delle prestazioni. Ancora una volta, esiste il pericolo di un consumo prolungato in dipendenza.

La cocaina alcaloide viene recuperata dalle foglie dell'arbusto di coca mediante un processo di estrazione chimica e convertita in una sostanza polverosa (cocaina cloridrato). L'area di coltivazione della pianta di coca è principalmente il Sud America. Fino all'inizio del XX secolo, la cocaina veniva utilizzata in medicina come anestetico locale o per mal di testa e affaticamento. Successivamente è stato bandito a causa dell'elevato potenziale di dipendenza. Tuttavia, la cocaina è diventata una delle droghe di scena più popolari in tutto il mondo. I consumatori sono per lo più membri di classi sociali superiori. In caso di freddo, la solita forma di consumo, l'effetto si verifica dopo 2-3 minuti e dura fino a un'ora. Può anche essere spruzzato o fumato. Fumare o spruzzare provoca un "calcio" euforico molto più veloce, più forte ma più breve. La cocaina aumenta l'efficienza, l'autostima e il desiderio sessuale. I sentimenti di fame vengono soppressi. Agisce nel sistema nervoso centrale e migliora la secrezione dei neurotrasmettitori del corpo dopamina, noradrenalina e serotonina. Allo stesso tempo, viene impedito il loro riassorbimento nella cellula nervosa. Ciò provoca una stimolazione estrema del sistema nervoso, che è caratterizzata da un aumento della frequenza cardiaca, loquacità, aumento della respirazione e ingrossamento delle pupille. Dopo che questa euforia si attenua, spesso porta a stati d'animo depressivi che possono portare al riutilizzo del farmaco. È qui che risiede la fonte di pericolo del farmaco, ovvero la dipendenza psicologica.