"Every child is an artist. The problem is how to remain an artist once he grows up"Pablo Picasso

Cosa e? DROGA

Cosa e la cannabis?

Cosa e la cannabis?

La cannabis è una delle droghe più consumate. Di norma, questo farmaco viene miscelato sotto forma di hashish o marijuana con tabacco da sigaretta e affumicato. Occasionalmente, la cannabis viene anche sciolta nel tè e assunta in forma liquida. L'effetto è piuttosto rapido e si tratta di un miglioramento dell'umore, di un aumento di allegria, ma può anche essere il contrario. Può causare ansia e può portare a delusioni. L'effetto di solito è in ritardo dopo un'ora.

La cannabis si riferisce a un genere di piante, che è assegnato al genere delle piante di canapa. Oltre a essere usata come allucinogeno o come farmaco a base di erbe, la pianta di cannabis ha anche un beneficio scientificamente provato come pianta medicinale e utile da parte. Per la prima volta, la cannabis ha attirato l'attenzione di tutto il mondo attraverso il suo uso nelle cosiddette articolazioni di marijuana. La pianta è considerata una droga di avviamento, motivo per cui anche il loro consumo in Germania è illegale. Oltre all'abuso come droga, la cannabis, secondo numerosi studi, rappresenta un vantaggio significativo nella ricerca sul cancro e nel controllo del cancro. Per questo motivo, una prescrizione può anche essere effettuata una donazione legalmente controllata e sotto controllo medico della pianta di cannabis. Oltre all'alcool, la pianta è la droga più utilizzata al mondo e il suo consumo non è proibito in tutti i paesi. Quindi c'è già un vero culto attorno alla pianta e alle articolazioni associate. Oltre ai musicisti, alle star del cinema e ai vari caffè alla cannabis, la pianta è nello spirito di una droga gateway sempre più popolare tra i giovani. Tuttavia, questi non usano la cannabis come pianta medicinale o per ottenere un effetto medico positivo sulla mente e sul corpo, ma come puro intossicante e stimolante che nasconde o intorpidisce i propri sensi.

La cannabis è una droga con molti nomi: canapa indiana, canapa vera, marijuana, hashish, erba, merda, bhang, pentola, cavolo, kiff, stoffa. Quasi tutte le culture conoscevano la cannabis in ogni momento. In Europa crearono scrittori e musicisti famosi che circolarono intorno al 1870 a Parigi nel "Club de Hachichin". Per molto tempo, la cannabis è stata considerata la droga artistica di sempre prima di ottenere lo stesso livello di riconoscimento di alcol e tabacco.

Oggi la cannabis è la droga illegale n. 1. In Germania, circa 2,5 milioni di consumatori assumono cannabis una o più volte all'anno. Uno su quattro li ha provati almeno una volta. L'età iniziale per la prima articolazione è di soli 15 anni.

La cannabis o la canapa, come il nome tedesco è, è una pianta straordinaria con una storia vecchia quasi quanto l'umanità. La cannabis non è solo una droga, ma è stata molto apprezzata come medicina e coltura estremamente importante fino al divieto globale all'inizio del 20 ° secolo. La cannabis potrebbe ancora una volta svolgere un ruolo importante nel trattamento di molte malattie se questi farmaci fossero approvati.

Questi siti vogliono educare alla cannabis dando i fatti più importanti. Solo coloro che trattano in modo indipendente e approfondito l'argomento possono formare la propria immagine e prendere decisioni chiare.

Usi di cannabis

Le vertigini della cannabis causano uno spettro di farmaci in cui il tetraidrocannabinolo (THC) è stato identificato come ingrediente chiave. La concentrazione di THC determina in gran parte l'esperienza farmacologica. Dalla cannabis vengono prodotti tre prodotti principali: marijuana, hashish e olio di hashish.

La marijuana è costituita dalle infiorescenze femminili della pianta di cannabis. La marijuana viene fumata o inalata. Nel fumo, la marijuana viene miscelata con il tabacco in un'articolazione, con il tabacco come ingrediente principale. Un'altra possibilità è il fumo in tubi speciali e tubi dell'acqua. Il narghilè è particolarmente preferito dai non fumatori, perché riduce gli effetti dannosi del fumo di tabacco non filtrato e anche la dipendenza della nicotina. Il narghilè produce fumo a temperatura più bassa del normale fumo di sigaretta e quindi più mite e più tollerabile. Durante l'inalazione, la marijuana viene riscaldata con vapore e inalata. Questo processo richiede uno sforzo tecnico ed è raramente praticato. Come per il tubo dell'acqua, l'inalazione avviene senza tabacco e nicotina. Il contenuto del THC oscilla estremamente. A seconda della loro origine e qualità, la marijuana può contenere tra lo 0,6 e il 13% di THC.

L'hashish viene estratto dalla resina pressata della pianta di cannabis. È preso come un comune (grattugiato e mescolato con tabacco) o sciolto nel grasso e mescolato in bevande e cibo. Se l'hashish viene fumato, può essere fatto allo stesso modo della marijuana: come un giunto, in una pipa speciale o nella tubatura dell'acqua. Ancora una volta, l'articolazione danneggia i polmoni e vi è il rischio aggiuntivo di dipendenza da nicotina. Anche la concentrazione di THC di hashish è molto variabile e può variare tra 0,6 e 13 percento di THC.

L'olio di hashish è un estratto della pianta di cannabis - altrettanto elevato è il contenuto di THC, che è dell'80 percento. L'olio di hashish può essere assunto in diversi modi. Le gocce possono essere lasciate cadere sul tabacco, da cui viene girata un'articolazione. Allo stesso modo, le gocce possono essere lasciate cadere pure in bocca. La terza possibilità: l'olio di hashish viene miscelato in bevande o cibo.

Effetti della cannabis

Nel descrivere gli effetti della cannabis, bisogna rendersi conto che esistono diversi livelli: efficacia fisica, mentale e individuale. L'esperienza farmacologica degli individui dipende da molti fattori.

Questi effetti possono verificarsi singolarmente o insieme, simultaneamente o consecutivamente. Non devono verificarsi in ogni viaggio, poiché l'attuale situazione personale del consumatore influenza sempre fortemente l'intossicazione da droghe. Allo stesso modo, l'effetto della qualità della varietà di cannabis, il contenuto di THC, il dosaggio, ma determina anche la modalità di somministrazione. Un'articolazione funziona in modo notevolmente diverso rispetto a un biscotto.

La cannabis porta a un rilassamento profondo e piacevole e calmante, rallenta il senso del tempo e dona una leggerezza spensierata. I movimenti rallentano e allo stesso tempo accelerano impercettibilmente la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna per il consumatore. Quando si alzano vertigini e nausea possono verificarsi, che sono significativamente aumentate in un'articolazione dal tabacco. Soprattutto per i non fumatori, il solo tabacco provoca nausea. La capacità di concentrazione diminuisce e la capacità di reagire diminuisce, si verifica un grande appetito. Le idee arrivano a passi da gigante, la memoria a breve termine può essere gravemente compromessa, quindi non ricordi cosa hai appena fatto. C'è un aumento della percezione. I sensi si espandono e si intensificano. La sensazione e il pensiero cambiano. Le abitudini familiari di pensiero e routine scompaiono, compaiono nuovi pensieri e idee, la coscienza cambia.

Le condizioni personali del consumatore hanno sempre un'influenza decisiva sull'esperienza della droga e devono pertanto essere prese in considerazione in ogni caso. Una corsa alla cannabis provoca un'intensificazione dell'esperienza. Questo può portare a una grande euforia o a stati di ansia insoliti ed estremi. Chiunque usi la cannabis in una situazione personale instabile per scongiurare i cattivi umori o risolvere i problemi corre il rischio di fare un viaggio horror e diventare mentalmente dipendente.

Altrettanto importante è la modalità di reddito. La cannabis ha l'effetto più rapido quando arriva direttamente nel flusso sanguigno attraverso fumo o vapore acqueo, cioè una giuntura o una tubatura dell'acqua. L'effetto di una dose normale raggiunge il suo spettro completo dopo circa 15 minuti e può durare fino a 60 minuti. Dopo due o tre ore, è in gran parte finita. La miscelazione di cannabis in cibi e bevande, ad esempio in biscotti o torte, ritarda l'effetto a volte enormemente, specialmente se hai mangiato anche qualcos'altro. Soprattutto, il sovradosaggio è particolarmente pericoloso per i principianti. due biscotti invece di uno, perché all'inizio non senti nulla.

Rischi per la salute attraverso la cannabis

Esiste tutta una serie di ricerche sulla cannabis, ma la sua efficacia non è stata studiata in dettaglio. Nel 1997, il Ministero federale della sanità ha commissionato un parere sull'uso della cannabis sotto la coalizione di CDU / CSU e FDP. Il rapporto conclude che "gli effetti farmacologici e le conseguenze psicosociali del consumo di cannabis sono meno drammatici e pericolosi di quanto si pensi generalmente.

La cannabis non ti rende fisicamente dipendente come il tabacco o l'alcool. Non sono ancora noti casi di sovradosaggio fatale. Non è stata inoltre trovata un'inevitabile dipendenza psichica tra i consumatori di cannabis. Ma cosa significa? Ci sono persone che diventano dipendenti dalla cannabis perché vedono la droga come un sostituto della loro vita. Hanno bisogno di un comune per essere di buon umore. Il farmaco funge da linfa vitale nella crisi, esacerbando la crisi.

La cannabis stessa non è tossica. Tuttavia, ci sono rischi per la salute. Il fumo di un'articolazione mette a dura prova i polmoni, perché a differenza della normale sigaretta, viene inalato completamente non filtrato. Pertanto, vengono inalate elevate quantità di catrame. Aggiungi a questo le sostanze nocive dal tabacco miscelato, in particolare la nicotina. Chiunque fumi articolazioni rischia una dipendenza nascosta dalla nicotina. La combinazione con altri farmaci è anche un rischio per la salute di prima classe.

Esiste un pericolo particolare quando il commerciante allunga la cannabis per ottenere maggiori profitti. Possono essere foglie di cannabis, ma anche sabbia, henné, lucido da scarpe, olio, grasso, solfuro di piombo o oli usati. Pochi consumatori sono in grado di valutare correttamente la qualità della cannabis.

Cannabis in uso in medicina

La cannabis era in Cina e in India 2500 anni fa come pianta medicinale da cui ottenere la medicina. L'ostracismo mondiale della cannabis nel 20 ° secolo ha sempre più messo da parte la coltivazione e la conoscenza degli effetti medici. Solo per due decenni lo straordinario potenziale di guarigione della cannabis è tornato al centro della ricerca.

La ricerca ha identificato fino a 480 vegetali nella cannabis, inclusi circa 60 cannabinoidi di origine vegetale e il tetraidrocannabinolo (THC) responsabile dell'intossicazione da farmaci. Il modo in cui queste sostanze agiscono individualmente o insieme non è stato ancora completamente chiarito. All'inizio degli anni '90, i ricercatori hanno scoperto che gli stessi esseri umani producono cannabinoidi endogeni che regolano le impressioni sensoriali, l'appetito, il dolore e il sistema immunitario.

C'è ancora molta ricerca da fare. Ma quello che puoi già vedere oggi è una vasta gamma di usi della cannabis. Studi farmacologici hanno dimostrato che la cannabis ha effetti lenitivi o curativi sulle seguenti condizioni: asma, artrite, sclerosi multipla, spasticità, anoressia e cataratta. Alcune aziende stanno lavorando a farmaci per il trattamento dell'AIDS e del cancro, ma non sono autorizzati a commercializzare questi farmaci, sebbene la loro efficacia sia stata dimostrata. Ciò fallisce a causa dell'ostacolo legale del divieto fondamentale della cannabis.

Cannabis come coltura

La cannabis (canapa) ha avuto un ruolo significativo nella storia dell'umanità come coltura. I primi reperti archeologici risalgono all'VIII millennio a.C. Nel corso dei millenni, la canapa è stata un materiale di base indispensabile per l'intero settore navale, da cui sono state prodotte vele, corde, funi di ancoraggio, reti da pesca e materiale di tenuta vitale per le perdite.

Oggi è in gran parte sconosciuto che la maggior parte dei tessuti in tutto il mondo sono stati prodotti dalla canapa fino all'inizio del 20 ° secolo. Vestiti, pantaloni, camicie, cappotti, tappeti, lenzuola, asciugamani, tutti i tessuti essenziali venivano dalla pianta di cannabis. Ma poi il cotone ha sostituito la canapa e, inoltre, l'inizio della criminalizzazione come droga illegale ha assicurato che anche i più bassi contenuti di THC di cannabis essenziali per la produzione tessile non potevano più essere coltivati.

Oggi, i professionisti apprezzano la cannabis come una coltura con un grande potenziale. Un campo di applicazione è la fabbricazione della carta. In considerazione del rapido aumento del consumo globale di carta, la carta di canapa offre un'alternativa ecologicamente valida alla deforestazione delle foreste a lungo termine. Ciò che quasi nessuno sa oggi è che fino al 1900 circa il 75% della carta nel mondo era prodotta con fibre di canapa. La canapa può anche essere utilizzata per generare energia attraverso la biomassa. Per decomposizione termica o compostaggio, la canapa viene convertita in metanolo, che può sostituire la benzina come combustibile (biodiesel).

Situazione legale relativa alla cannabis

La cannabis è una droga illegale ai sensi del Narcotics Act (BtMG). Chiunque "coltiva, fabbrica, commercia, commercia, commercia, esegue, vende, cede, altrimenti immette sul mercato, acquisisce o ottiene in qualsiasi altro modo" può essere punito). Il possesso di cannabis è proibito. Il consumo di cannabis, tuttavia, non è regolato dal Narcotics Act.

La Corte costituzionale federale ha affrontato il consumo di cannabis in diversi casi. Successivamente, il possesso di piccole quantità di cannabis rimane proibito. Tuttavia, il tribunale ha stabilito che nei casi di "preparazione al consumo occasionale di autoconsumo di piccole quantità di prodotti a base di cannabis e di non mettere in pericolo gli altri, [...] le forze dell'ordine dovrebbero in linea di principio astenersi dal perseguire i reati di cui al 31a BtMG" . Poiché l'accusa è di competenza degli stati federali, la polizia e i pubblici ministeri hanno opinioni regionali diverse sulla procedura. Fondamentalmente, le autorità investigative hanno un margine di discrezionalità, che viene interpretato in modo diverso a seconda dello stato.

La cannabis rende il traffico inadatto. Chiunque sia risultato positivo in un controllo del traffico deve aspettarsi conseguenze drastiche. Gli utenti della strada che consumano cannabis commettono un reato. La prima infrazione costa una multa di 500 euro, un divieto di guida di un mese e quattro punti a Flensburgo.

Discussione politica sulla cannabis

Per decenni c'è stata una feroce discussione politica sull'uso corretto della cannabis, che si riaccende ripetutamente a intervalli. Da un lato, ci sono coloro che sostengono una rigorosa ricerca del consumo di cannabis e, dall'altro, coloro che sostengono la legalizzazione della droga. Spesso lasciato non menzionato nel dibattito rimane l'enorme potenziale della cannabis come medicina e come coltura, ad esempio per la fabbricazione della carta e come sostituto del carburante.

Nel corso del tempo, la Corte costituzionale federale ha preso posizione sulla cannabis in varie sentenze della Corte suprema senza sciogliere la contraddizione fondamentale nella legge. Questa contraddizione fondamentale è che l'acquisizione, il commercio e il possesso di cannabis sono vietati dalla legge, ma non il consumo in piccole quantità.

I sostenitori di una più severa applicazione della legge vedono la cannabis come una dipendenza. Un grave pericolo è che la cannabis sia una droga soft entry per i consumatori alle prime armi, che in seguito sono passati alle droghe pesanti. Pertanto, chiedono un inasprimento delle leggi sulla droga.

I seguaci di una legalizzazione sostengono che la cannabis è erroneamente criminalizzata. Secondo gli studi, la cannabis non ti rende dipendente, a differenza dell'alcool e della nicotina. Indicano la politica olandese sulle droghe, in cui la legalizzazione del consumo di cannabis è stata generalmente positiva, il numero di decessi per droga e il consumo di droghe pesanti sono diminuiti.