"Men always want to be a woman's first love - women like to be a man's last romance"Oscar Wilde

chie POETA

Chi e William Blake?

Chi e William Blake?

William Blake è nato a Londra nel 1757. Non ha ricevuto alcuna istruzione, ma ha completato un apprendistato come incisore di rame. Si trasferisce quindi brevemente all'Accademia di Belle Arti di Londra. Dal 1779 Blake lavorò come incisore di rame. Nel 1782 sposò CATHERINE BOUCHER, con il quale condusse un matrimonio felice per tutta la vita. Il suo primo libro di poesie poetiche fu pubblicato nel 1783. I seguenti libri Songs of Innocence (1789) e The Book of Thel (1789) pubblicarono in autopubblicazione. Il suo lavoro lirico continuò Blake con Songs of Experience (1794) e i suoi Libri profetici (incluso The Book of Los, 1795). Per le sue opere letterarie, ha realizzato grandi stampe a colori per evidenziare l'unità di immagine e testo in una Gesamtkunstwerk. Ha anche iniziato a lavorare per altri editori. Tra il 1804 e il 1808 scrisse un grande poema epico su John Milton. La sua ultima fase della vita è stata segnata dalla delusione. BLAKE soffriva della mancanza di riconoscimento per il suo lavoro artistico.

Blake come artista visivo

Dal 1795 Blake creò principalmente stampe a colori di grandi dimensioni su temi biblici, motivi di Shakespeare e John Milton, Nachtgedanken di Edward Young e Dantes Divine Comedy, nonché le sue opere letterarie. Ha applicato la sua tecnica di incisione su rame o zinco colorata a mano. A metà del XIX secolo, l'associazione di artisti preraffaelliti, che comprendeva Dante Gabriel Rosetti, era affascinata dalla visione mistica del mondo ideata da Blake. L'ideale di Blake per l'opera d'arte, che fonde l'immagine e il testo, acquistò nuova importanza durante il periodo Art Nouveau (tra il 1890 e il 1914).

Blake come un poeta

Inizialmente, la poesia di Blake era vicina alla poesia lirica popolare. Come uno dei primi romantici, ha cercato nella natura impulsi per lo sviluppo della propria immaginazione e si è opposto al razionalismo dell'Illuminismo. I versi iniziali del suo famoso poema Auguries of Innocence esprimono l'importanza della natura per l'ispirazione poetica:

Per vedere un mondo in un granello di sabbia
E un paradiso in un fiore selvaggio,
Tieni Infinity nel palmo della tua mano
E l'eternità in un'ora.

Dal punto di vista dei romantici, la metropoli di Londra è apparsa come l'epitome di un senso moderno che distrugge il senso naturale. Blake descrive la città come il centro infernale delle autorità ecclesiastiche, militari e civili, di cui la natura originariamente buona dell'uomo cade vittima. La natura infantile e adultera cantata nei cicli di poesia di Blake Songs of Innocence (1789) e Songs of Experience (1794) si divide in condizioni sociali. Piccoli bambini che, spazzacamini, vendono i camini delle dimore, venduti dai loro genitori, incarnano lo stupro istituzionale della natura umana per Blake.

Blake era sempre più sotto l'incantesimo del misticismo di Jakob Böhmes e Emanuel Swedenborgs. Ha progettato la sua cosmogonia (= teoria dell'origine del mondo) e la mitologia, che si basava sui simboli della Bibbia e sui commenti dell'Antico Testamento. Con un linguaggio sbalorditivo e immagini audaci ha creato nei tre grandi poemi epici The Four Zoas (1795-1814), Milton (1804-1808) e Gerusalemme (1804-20), un linguaggio simbolico misterioso che ha complicato la comprensione del suo ultimo lavoro. Non è stato fino alle interpretazioni di Algernon Charles Swinburne (1867) e William Butler Yeats (1893) che il significato dell'opera di Blake è stato aperto e ha ricevuto molta più attenzione che nella vita del poeta.