"Ever since I was a child I have had this instinctive urge for expansion and growth. To me, the function and duty of a quality human being is the sincere and honest development of one's potential"Bruce Lee

chie COMICO

Chi è George Harrison?

Chi è George Harrison?

George Harrison era un musicista, compositore, benefattore e produttore cinematografico inglese della metà del XX secolo. È diventato ampiamente noto come il chitarrista dei Beatles, che continua ad essere una delle band di maggior successo commerciale nella storia della musica, con oltre un miliardo di dischi venduti fino ad oggi. Harrison, tuttavia, era molto più che un semplice chitarrista dei Beatles. Sebbene il "Beatle silenzioso" all'ombra di John Lennon e Paul McCartney vivesse un indù molto spirituale e convertito, il suo personaggio è anche chiamato estremo. Questa biografia di seguito descrive la straordinaria vita del "terzo Beatle".

The Early Years (1943-1958)

George Harrison è nato il 25 febbraio 1943 in un sobborgo del porto inglese di Liverpool, il più giovane dei quattro figli dell'autista di autobus Harold Harrison e sua moglie Louise French Harrison. Come i suoi futuri compagni di band, è cresciuto in circostanze semplici. All'età di 12-13 anni, il futuro Beatle, come lui stesso descrisse in seguito, ebbe una "illuminazione rock 'n' roll" quando sentì "Heartbreak Hotel" di Elvis Presley suonare da una casa vicina mentre andava in bicicletta. Poco dopo, George ricevette la sua prima chitarra e imparò a suonarla.

Dopo l'ammissione al prestigioso "Liverpool Institute", Harrison conobbe Paul McCartney sull'autobus della scuola. Tramite l'agenzia del suo amico Paul, il futuro chitarrista si unì alla band "Quarrymen", fondata da John Lennon, sebbene inizialmente John Lennon parlò contro la registrazione a causa dell'età di Harrison.

The Beatles (1958-1970)

All'età di 16 anni, George Harrison dovette rendere omaggio al suo impegno musicale e lasciare il "Liverpool Institute" per concentrarsi sulla musica.

Poco dopo, nel 1960, la band suonò - ora si chiamavano concerti regolari "The Beatles" in una discoteca di Amburgo sulla Reeperbahn. Sebbene questo impegno si sia concluso prima del previsto a causa della minorenne George Harrison, ha lasciato un segno duraturo su di lui.

Un anno dopo, la carriera della band decollò e i Beatles tornarono ad Amburgo come band di supporto per Tony Sheridan. Durante questo periodo, la comprensione musicale di Harrison è stata anche consolidata attraverso un mix di abilità autoproclamate, suonando musica con la sua band e lezioni di chitarra con Tony Sheridan. Attraverso il suo nuovo manager Brian Epstein, la band potrebbe finalmente concludere un contratto discografico con l'etichetta EMI.

Al più tardi con l'uscita dell'album di debutto "Please Please Me" tutto il Regno Unito è stato vittima della Beatlemania. D'altra parte, George Harrison, che era reticente nella sua età e personalità, assunse il ruolo del "Beatle silenzioso" all'ombra di Lennon e McCartney, che fungevano da polena dei Beatles.

Il secondo album dei Beatles conteneva il singolo "Do not Bother Me", composto da Harrison. Fino a questa uscita, il suo contributo era limitato ai riff di chitarra e alla voce; la composizione in precedenza ha assunto McCartney e Lennon. Dal secondo album, tuttavia, il "Beatle silenzioso" è stato anche in grado di portare le sue composizioni. Alla fine, una delle più importanti canzoni dei Beatles come "While My Guitar Gently Weeps", "Something" e "Here Comes The Sun" è andata al membro della band poco appariscente.

Forse il contributo più importante di George Harrison, tuttavia, è stato il suo interesse per la musica non occidentale, in particolare i suoni indiani e asiatici. Il "Beatle silenzioso" ha introdotto il sitar come strumento già nel 1965 nella canzone "Norwegian Wood (This Bird Has Flown)", dopo che Ravi Shankar, un virtuoso del sitar, gli ha insegnato come usarlo. L'entusiasmo per questi generi musicali è culminato in un viaggio spirituale dei Beatles e dei loro partner in India per studiare filosofie e tecniche di meditazione indiane con Maharishi Mahesh Yogi. Anche sua moglie Pattie Boyd, che ha incontrato durante le riprese di "A Hard Day's Night", lo ha accompagnato. Alla fine, adottò per sé gli insegnamenti di Hare Krishna e si convertì all'induismo. Insieme a questo sviluppo spirituale, Harrison divenne anche sempre più sicuro come compositore e contribuì sempre più alle sue composizioni.

Dopo che prevalgono sempre più disaccordi tra i membri della band, i Beatles si dissolvono finalmente nel 1970. L'impulso di George Harrison per una maggiore influenza sulle canzoni pubblicate dai Beatles viene citato come uno dei motivi della rottura.

Carriera solista (1968-1987)

Prima della dissoluzione dei Beatles, Harrison aveva già pubblicato i due album da solista "Wonderwall Music" e "Electric Sound", che includevano principalmente composizioni strumentali.

Dopo la separazione dei Beatles e gli anni di pubblicazione limitata delle sue canzoni sugli LP dei Beatles, la sua creatività repressa in "All Things Must Pass" è stata scaricata. Questo triplo album raggiunse la vetta delle classifiche e conteneva il singolo numero uno "My Sweet Lord". Anche se in seguito Harrison perse una causa di plagio nella canzone "My Sweet Lord", "All Things Must Pass" è l'album solista di maggior successo di Harrison.

Il suo primo grande concerto di beneficenza, che in seguito divenne noto come "Concerto per il Bangladesh", fu per attirare l'attenzione sulla tragica situazione in Bangladesh nel 1971 e raccogliere donazioni. Artisti come Ravi Shankar, Bob Dylan, Eric Clapton e Ringo Starr si sono esibiti al leggendario "Madison Square Garden" di New York City, aprendo la strada a concerti di beneficenza di fama mondiale come "Live Aid".

Living in the Material World ", l'ex Beatle uscì nel 1973 e riscosse nuovamente successi in classifica. Il seguente tour" Dark Horse ", tuttavia, ricevette critiche negative e l'album" Dark Horse "pubblicato a dicembre dovette inserire le peggiori recensioni nella carriera di Harrison. Nella vita privata fallì lo stesso matrimonio con Pattie Boyd, che lo lasciò per Eric Clapton. L'album pubblicato nel 1975 "Extra Texture (Leggi tutto su di esso)" non poteva basarsi sui successi precedenti.

Già nel 1974 il "Beatle silenzioso" fondò la sua etichetta "Dark Horse Records". Lì conobbe Olivia Trinidad Arias, che in seguito sposò nel 1978 e diede alla luce suo figlio Dhani un anno dopo. Sotto la sua etichetta nel 1976, l'album "Thirty Three & 1/3", che ha ricevuto le migliori recensioni da "All Things Must Pass". Tuttavia, anche questo album non ha soddisfatto le aspettative di vendita.

L'assassinio di John Lennon l'8 dicembre 1980 colpì duramente l'ex Beatle. Ha quindi scritto la canzone tributo a John Lennon "All those Years Ago", in cui Paul e Linda McCartney e Ringo Starr hanno collaborato. Mentre la canzone Tribute ha ottenuto successi, gli album "George Harrison", "Somewhere in England" e "Gone Troppo" sono stati di nuovo al di sotto delle aspettative. La mancanza di successo commerciale ha portato a un ritiro di Harrison dal mondo della musica.

L'ex Beatle si dedicò quindi alla produzione di film con la sua compagnia "Handmade Films", che fondò nel 1979 insieme a Dennis O'Brien. Il suo primo successo è stato con La vita di Brian di Monty Python, che ha sia prodotto che finanziato attraverso un'ipoteca sulla sua proprietà. Seguirono altri film, tra cui Time Bandits, Mona Lisa, Shanghai Surprise, Withnail e I. La compagnia produsse fino al 1991.

George Harrison rimase musicalmente non completamente inattivo negli anni dal 1982 al 1987, dal momento che ha esibito diverse apparizioni come ospite in eventi di beneficenza. Nel 1987, ha pubblicato il suo album di ritorno in platino "Cloud Nine", con il quale è stato finalmente in grado di sfruttare i successi precedenti attraverso vari successi.

The Later Life (1988-2001)

The Traveling Wilburys è stata fondata nel 1988 da Harrison insieme a Jeff Lynne, Roy Orbison, Bob Dylan e Tom Petty. A ciò seguirono negli anni dal 1988 al 1990 due album, che ottennero un certo successo commerciale. Nel 1991, l'ex Beatle andò in tournée in Giappone con il suo compagno di lunga data Eric Clapton per l'ultima volta.

Nel 1994, Harrison, McCartney e Starr si incontrarono nuovamente per The Beatles Anthology per produrre due nuove canzoni dei Beatles da registrazioni di John Lennon. "Free as a Bird" e "Real Love" sono nati da questa collaborazione.

Nel 1997, a George Harrison fu diagnosticato un cancro alla laringe e trattato con radioterapia. La terapia è stata completata con successo in quel momento.

Questo è stato seguito dal successivo colpo del destino nel 1999, quando Michael Abram ha fatto irruzione nella casa di Harrison Friar Park e ha pugnalato l'ex Beatle con un coltello da cucina. Attraverso il coraggioso intervento di sua moglie, è sopravvissuto a questo tentativo di assassinio con un polmone perforato e ferite alla testa che dovevano essere curate in ospedale.

Nel maggio 2001, divenne noto che un carcinoma doveva essere rimosso da uno dei suoi polmoni. Già nel luglio dello stesso anno, Harrison subì un trattamento per il tumore al cervello. Le sue condizioni continuarono a peggiorare quando iniziò un'altra radioterapia per il suo carcinoma polmonare metastatico a New York City nel novembre 2001. Il 12 novembre, i tre ex Beatles sopravvissuti si incontrarono per l'ultima volta a pranzo all'Harrison's Hotel. Diciassette giorni dopo, il 29 novembre 2001, George Harrison perse la sua lotta contro il cancro all'età di 58 anni e morì.

Post Mortem

Nel 2002 Harrison pubblicò il suo ultimo album "Brainwashed", che fu completato da suo figlio Dhani e Jeff Lynne. Ha raggiunto alcuni posizionamenti in classifica e un Grammy per il singolo "Marwa Blues". È stato ammesso alla "Rock and Roll Hall of Fame" nel 2004. Il 14 aprile 2009, George Harrison ha ricevuto una stella sulla famosa Hollywood Walk of Fame. Nell'ottobre 2011 è stata pubblicata la biografia filmata "George Harrison: Living in the Material World", diretta da Martin Scorcese.

Parole di chiusura

George Harrison era una persona complessa. Sebbene abbia assunto il ruolo di "terzo" o "silenzioso" Beatles attraverso il dominio iniziale di John Lennon e Paul McCartney, ha contribuito in modo decisivo al successo dei Beatles. Il suo interesse per l'induismo e gli insegnamenti indiani ha cambiato significativamente la sua personalità. Quindi vide lo scioglimento dei Beatles alla fine come una sorta di liberazione per il suo lavoro creativo, che poteva sviluppare e pubblicare solo condizionatamente sotto la direzione di Lennon e McCartney.

Ma Harrison aveva anche altre qualità che non corrispondevano all'immagine del seguace e dei "silenziosi Beatles". Quindi era noto per il suo umorismo nero, che poteva vivere, ad esempio, lavorando con Monty Python. Ma anche in interviste leggendarie a volte dava risposte sarcastiche al meglio.

L'introverso Harrison probabilmente non avrebbe creduto alla sua passione per le corse o una vena a sangue caldo, come cita Paul McCartney.

È difficile sintetizzare le varie sfaccettature di George Harrison: da un lato, c'è l'uomo moderato, "silenzioso", con radici spirituali che ha vissuto in isolamento e ha stretto amicizia con Eric Clapton per il suo primo matrimonio. Dall'altra parte c'è il membro della "Rock and Roll Hall of Fame", un "uomo dal sangue caldo" che secondo sua moglie "amava le donne" e uno dei suoi amici un "personaggio estremo" certificato. Un uomo che, dopo un tentativo fallito nella sua vita, ha rilasciato una dichiarazione: "L'attaccante non era un ladro e certamente non aveva fatto il provino per i" Willburys viaggianti ".

Harrison è meglio descritto nelle parole di Ringo Starr: "George Harrison era sempre in bianco e nero".