"Accept the things to which fate binds you, and love the people with whom fate brings you together, but do so with all your heart"Marcus Aurelius

chie ATTIVISTA

Chi e Nelson Mandela?

Chi e Nelson Mandela?

Nelson Mandela è considerato un simbolo di libertà e giustizia. Seguendo il motto "La lotta è la mia vita", ha fatto una campagna di successo per i diritti dei neri in Africa e contro l'apartheid. Muore il 5 dicembre 2013

Nella lotta contro la segregazione razziale in Africa, l'attivista per i diritti civili Nelson Mandela ha sopportato tutto, compresi tre decenni di prigionia. Liberato di nuovo, divenne il primo presidente nero del Sud Africa ed eroe di una nazione.

Come ha vissuto Nelson Mandela

Il 18 luglio 1918, Rolihlahla (tradotto "piantagrane") nacque vicino a Mthatha, una città del Sudafrica. All'età di 19 anni, ha iniziato a studiare. Dato che la sua università parlava inglese, tradusse a quel tempo anche il suo nome di nascita: da quel momento in poi Rolihlhla era Nelson Mandela.

Il suo interesse è sempre stato in politica. Quindi voleva fare una campagna per i diritti degli africani neri, che a quel tempo erano fortemente svantaggiati rispetto ai bianchi.

Perché i membri della sua tribù erano destinati a sposarsi il prima possibile. Per evitare il proprio matrimonio forzato, fuggì a Johannesburg. La sua università lo aveva di recente buttato fuori per attività politica. Nella nuova casa ha lavorato per un po 'come guardia di sicurezza, pugile e avvocato. Con l'apprendimento a distanza ha cercato di ottenere una laurea in giurisprudenza, ma non è mai riuscito a conseguirlo grazie alle sue attività politiche.

Come Nelson Mandela ha cambiato il mondo

Con le elezioni del 1948, uno stato di emergenza entrò in Sudafrica. Il cosiddetto "apartheid" (tradotto come "segregazione") prescriveva una rigorosa segregazione razziale. Pertanto, i bianchi e i neri non potevano parlare in luoghi pubblici. I neri sono stati sfruttati e utilizzati principalmente per lavori pesanti. Inoltre, non potevano entrare nel centro della città senza permesso, e tanto meno lasciare la città. La maggior parte non aveva nemmeno accesso all'acqua e all'elettricità.

Mandela iniziò a lottare per i diritti degli africani neri come presidente dell'African National Congress "ANC Youth League". Come dimostrò Mahatma Gandhi in India, Mandela sviluppò un concetto di protesta pacifica. La sua organizzazione fu bandita dallo stato e Mandela impose la regola di non lasciare il Paese.

Nel 1964, dopo aver infranto la regola, fu arrestato e condannato all'ergastolo per le sue attività politiche. Solo nel 1990, dopo 26 anni di prigione, fu rilasciato con l'aiuto del presidente africano Frederik de Klerk. Insieme hanno vinto entrambi il premio Nobel per la pace nel 1993 per la loro lotta contro la segregazione razziale.

Un anno dopo Mandela fu eletto il primo presidente nero del Sudafrica. Ha applicato nuove leggi e posto fine all'apartheid. Bianchi e neri erano finalmente uguali e Mandela il suo eroe. Anche dopo la fine della sua presidenza nel 1999, Mandela si è seduto con grande zelo contro le ingiustizie politiche, più recentemente nella guerra in Iraq.

È morto dopo mesi di cure il 5 dicembre 2013 per polmonite.